PREMIO FANTASIO PICCOLI PER LA REGIA 2009 A LISA DE LEONARDIS

IL PREMIO FANTASIO 2009, SELEZIONE CENTRO ITALIA

ALLA REGISTA PESCARESE

LISA DE LEONARDIS

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.

Rassegna stampa

Il premio Fantasio Piccoli 2009 per la regia teatrale (selezione territoriale centro-sud) è stato assegnato a Lisa De Leonardis, regista e attrice della compagnia Art Lab di Roma che ha presentato il suo lavoro, ispirato liberamente a “Le Baccanti” di Euripide, Tra un dio e un avatar.

Presentazione del lavoro

Cosa significa “Le Baccanti” oggi? Qual è il significato della tragedia nel 2009? Come tradurre il messaggio di Euripide? Come renderlo comprensibile alle generazioni di oggi? Qual è la chiave dell’universalità del dramma?

La risposta, cercata tra le parole della tragedia, è sorprendente. “Le Baccanti” è un dramma straordinariamente contemporaneo, che esplora una delle tematiche più attuali dei nostri giorni: il rapporto tra massa e potere, tra conoscenza/informazione e potere.

E’ in queste dicotomie che trova un’ulteriore ragione d’essere la duplice essenza de “Le Baccanti” vista come tragedia e commedia allo stesso tempo. Ma se la chiave di volta diventa la commedia, allora è chiaro che il suo mostro, ucciso trionfalmente, dimostra di essere il re, mentre l’eroe di questa uccisione è un dio che appare in veste bestiale.

Il Dioniso dei giorni nostri, ugualmente perverso nelle sue vendette, è il quarto potere, l’esercizio della direzione attraverso l’informazione: la televisione, i giornali, le radio, ma anche e soprattutto i format televisivi, i cosiddetti “personaggi”, creati ad hoc per essere eletti dal popolo quali punti di riferimento di un modus vivendi verso il quale tendere, per il quale lottare con ogni mezzo lecito ed illecito e che, proprio come Dioniso, ci ricordano in continuazione di quanto inarrivabile sia il loro status e di quanto vacuo e vuoto sia il resto. Chi si dirige contro questo sistema, non necessariamente lottandoci contro, prima o poi, come il Penteo euripideo, sarà assassinato nella più becera delle maniere, con i mezzi più subdoli dei quali i persuasori occulti1 si servono, suicidato, spinto nella trappola della massificazione dei bisogni.

Secondo tali premesse questo lavoro parte da alcuni riferimenti culturali. Innanzitutto Guy Debord che ne “La società dello spettacolo” scritto nel 1967, con agghiacciante lucidità asseriva: “[…] Lo spettacolo si presenta come un’enorme positività indiscutibile e inaccessibile. Esso non dice niente di più di questo «Ciò che appare è buono, ciò che è buono appare». L’attitudine che esso esige per principio è questa accettazione passiva, che ha di fatto già ottenuto con il suo modo di apparire senza repliche, il suo monopolio dell’apparenza […]2”.

Altro importante riferimento è lo studio di Ludwig Feuerbach, in particolare per quanto riguarda “L’essenza del cristianesimo”, a proposito del rapporto tra illusione e sacralità, tra verità e profano; e in effetti, Il problema di Dioniso nelle Baccanti è in parte il problema della relazione fra immaginazione e realtà, sia nell’arte che nella vita3.

Ancora a livello letterario, immancabile e forse prevedibile, il chiaro riferimento all’opera di George Orwell, in particolare per quanto riguarda i romanzi “Animal Farm”, dal quale viene fatta esplicita citazione nel testo (“La libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza, la guerra è pace”) e “1984”.

Alla base di tutta la riflessione però si colloca un riferimento cinematografico, vicino alla lettura delle Baccanti per intenzioni. Si tratta del già citato Quarto potere (Citizen Kane) di Orson Welles nel quale la figura di Kane ben riassume la filosofia e il pensiero del Dioniso dei giorni nostri, un dio generico, anzi, più che generico, comune. Un dio che però conserverà indefiniti la sua essenza onnipotente ed i suoi reconditi scopi, come Rosebud nella pellicola di Welles.

E’ l’epoca dell’apparire che descriviamo e che diviene dunque, per chi dei media ne è il protagonista, sinonimo di reale esistenza e dove lo spettatore somiglia sempre più ai suoi modelli, nell’aspetto e nei comportamenti sociali, talvolta perfino superandoli in risolutezza e cinismo. Il nostro dio perciò è proprio questo insieme generico di personalità, è il meta-linguaggio che si svolge in quel contenitore di gesti di suoni e di parole di uso comune, di citazioni ridondanti e barocche e che apparentemente, si presenta come un semplice elettrodomestico, esattamente come il grande ammasso di oggetti nel castello di Xanadu.. La scelta di Massimiliano Buono (sailorlost), autore degli arrangiamenti e delle musiche originali si inserisce proprio in questo contesto, sottolineando gli aspetti più plastici ed artefatti di un martellamento ritmico/mediatico che si veste di non-senso e che non ci risparmia spot e atteggiamenti che invitano al consumismo e ad un’idea fatua di benessere e bellezza.

Dunque la risposta alle domande dell’inizio è questa: Dioniso è la manifestazione del potere, inteso come irraggiungibile forza e intoccabilità, un potere manicheo, a cui ci si deve assimilare con un atteggiamento fideistico, condizionato, (come il popolo di Euripide) oppure ci si deve rassegnare e sottomettere esiliandosi quindi annullandosi coscientemente di fronte ad esso (com’è per Cadmo ed Agave), pena la distruzione, il fango, l’oblio mediatico. L’atteggiamento contrario, cioè l’avversione, non fa che accrescere il potere, creando immediatamente uno spauracchio/succedaneo di contraddittorio che rende, agli occhi della massa, il divino attaccabile, apparentemente permeabile alla critica, proprio per questo più “umano”.

Chi è Lisa De Leonardis

Regista, attrice, giornalista.

Nel Giugno 2009 è ideatore e direttore artistico del Festival StArt! realizzato a Roma in seno alle manifestazioni dell’Estate Romana, in ottobre dirige la “Festa delle Associazioni” sempre a Roma, in collaborazione con il XVII Municipio di Roma (Prati).

A Luglio 2009 è docente nel laboratorio “Movin’up” realizzato per il Festimôme di Marsiglia (Aubagne/Auriol) in collaborazione con l’associazione Art’Euro. Con i ragazzi del laboratorio realizzerà una parata di strada sulla storia di Orfeo ed Euridice.

Nel 2007 è tra i finalisti del Premio Ustica per il teatro con la sua drammaturgia “Tipiche vite Atipiche”, presentato poi durante la manifestazione “Matta Estate” organizzata in collaborazione con il Florian TSI di Pescara e con il sostegno del progetto A25 finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Lazio e dalla Regione Abruzzo.

Da attrice ha lavorato con Rena Mirecka, Naira Gonzales, Valerio Massimo Manfredi, Luciano Paesani, Lelio Lecis, Teatro Potlach, Teatro Stabile di Sassari, Teatro Stabile d’innovazione Florian Espace, Deposito dei Segni, oltre ad esperienze di teatro di prosa con Mario Scaccia, Massimo Venturiello, Guglielmo Ferro, Walter Manfré, Marina Ninchi, Remo Remotti.

E’ inoltre, dal 2008, responsabile delle attività teatrali nell’ Istituto Tecnico Commerciale per il Turismo “Alessandrini” di Montesilvano (Pe).

Da regista e drammaturga ha realizzato gli spettacoli “interzona_zeronove”, “La storia di Spolverina” sta lavorando in collaborazione con Massimiliano Buono alla realizzazione di “Deus ex machina” e “A&T”.

Notizie sulla compagnia Art Lab

Art Lab è una associazione culturale ed ha sede a Roma e a Pescara. E’ nata ufficialmente il 27 gennaio 2009, anche se il lavoro di ricerca e di studio dei suoi fondatori è iniziato molto tempo prima.

Il nostro incontro è stato fortunato e fortuito. Città diverse, storie diverse. Ma trovandoci e scoprendo delle passioni comuni, abbiamo verificato che è dalla diversità che nasce la ricchezza. E’ iniziata così la genesi di Art Lab.

Art Lab è nata dunque dalla necessità di “fare”, di “dire” qualcosa di fondamentale, di forte, di impellente, di imprescindibile e in questo bisogno trova e troverà la sua forza vitale.

E’ per questo che ci spaventa tutto quello che è omogeneo ed omogeneizzato. Ci spaventa l’assenza di emozioni. Ci spaventano gli elettrocardiogrammi regolari. E vorremo continuare per sempre a contaminarci, ad “ammalarci” di altre diversità.

La compagnia di Art Lab si è costituita lungo il corso di un anno di lavoro sulla didattica e sulle nostre produzioni. I membri stabili della compagnia provengono da esperienze teatrali e musicali differenti e da città diverse. I membri stabili sono Lisa De Leonardis (regista, drammaturga e attrice), Massimiliano Buono (musicista, regista e attore), Andrea Di Bella (attore), Giampaolo Nerini (attore e musicista), Valeria Berardi (attrice), Andrea Lanciotti (attore).

No Comments

Post a Comment

Share This
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.