Vuoi aprire un giornale online? Ecco tutto quello che dovresti sapere

Aprire un giornale online ecco come e cosa fare
Tra tablet e smartphones l’informazione ha definitivamente cambiato volto anche in Italia diventando sempre più online. Anche le aziende italiane hanno compreso questa potenza riqualificando uffici stampa e comunicazione. 
E’ innanzitutto una questione di numeri e le cifre più interessanti ce le fornisce un sondaggio di Demos&Pi che restituisce una fotografia dello stato di fatto dei lettori italiani in cerca di notizie

Il 47% sceglie internet, l’edicola si ferma al 25,4%

lettori italiani: il 47% sceglie internet
Ovviamente questa decisa impennata dell’informazione online è dovuta ad un proporzionale aumento degli accessi alla rete web che dal 2010 al 2013 è aumentata di oltre 10 punti percentuali come ci mostra il grafico qui a destra, passando dal 41% al 51,6%. Il risultato mette in evidenza come ci si serva sempre di più della rete come fonte di informazione diretta, una notizia ottima per quanti – come noi – si occupano di comunicazione e marketing online.

Sempre più lettori da cellulari e tablet

Gli accessi da smartphone e tablet hanno raggiunto quest’anno quelli da computer portatile (immagine in basso), una vera svolta che fa comprendere bene la necessità – per quanti vogliono scrivere online – di pensare l’informazione anche per gli utenti del “piccolo schermo” sia in termini di leggibilità della notiziasia in termini di template, che deve essere adatto ad ogni formato, ovvero responsive, se non addirittura specifico per il mobile. 

smartphone e tablet: l'informazione passa da qui

Testate online: quando non è necessaria l’iscrizione in Tribunale

Quello che molti non sanno è che per aprire una testata online non occorre necessariamente l’iscrizione al Tribunale. Il Corecom Abruzzo, ha riassunto in un recente rapporto* la definizione di testata giornalistica online in questo modo:

“In attesa di ulteriori interventi normativi si può affermare che una testata di informazione online è un prodotto editoriale diffuso sul web con regolarità che ha la finalità di raccogliere, commentare, criticare notizie di attualità dirette al pubblico, che ha un Direttore responsabile iscritto all’Albo dei giornalisti di cui si pubblicano nome e domicilio e che non deve essere registrata presso il tribunale del luogo in cui ha sede la redazione, se non nel caso in cui l’editore abbia fatto domanda di provvidenze, contributi od agevolazioni pubbliche e/o consegua ricavi annui da attività editoriali pari o superiori a 100 mila euro”.

L’obbligo di registrazione al Tribunale resta dunque appannaggio delle testate online che fanno fatturati medio/alti oppure i cui editori abbiano fatto domanda di sovvenzioni così come recita la Legge 103/2012 (art. 3-bis).
Ogni testata ha comunque bisogno di un direttore responsabile che deve necessariamente essere iscritto all’Ordine dei Giornalisti, albo pubblicisti o professionisti.
content marketing: scrivere per il web
[Fonte immagini: www.formiche.net, www.demos.it
 Fonti articolo: *”Analisi della realtà dell’informazione online in Abruzzo” Corecom Abruzzo 2014 pp. 17/18]

No Comments

Post a Comment

Share This
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.